Un brano dai molti volti: Lady P dei No More Code

Il 9 febbraio è uscita la dirompente Lady P, nuova canzone dei lombardi No More Code, un brano che ha molte sfaccettature, sia nell’argomento del brano che nei suoni da cui è alimentato.

La canzone ha evidenti sonorità punk-metal, mantenendo una conformazione heavy e toccando anche elementi vicini al grunge. Il testo descrive una relazione complicata, in cui la componente femminile si “guadagna” il soprannome “psicopatica” per via del suo carattere imprevedibile e dei suoi comportamenti intensi. Avviene l’esplorazione del carattere della persona amata, che alterna due lati della propria personalità: quello dolce, con cui si ha il piacere di restare, e quello pericoloso, da cui si vorrebbe scappare.

Già dalla prima strofa si dichiara l’instabilità della ragazza nella coppia, fatto che viene confermato dal “Ogni bacio è veleno” e “Per ogni sguardo mi uccide” della seconda: a significare le difficoltà del protagonista a lasciarla andare, anche se vorrebbe farlo. Nel ritornello si evidenzia l’ambivalenza del carattere di lei: che sa essere dolce, ma al contempo non è in grado di amare il narratore, tanto da essere descritta come “Una vedova nera che non amerà mai”.

Nel post-chorus viene brevemente descritta la pazzia di entrambi, perché questo Superman sapendo che la criptonite potrebbe ucciderlo, non riesce a stare lontano da lei. Nella strofa successiva i baci sul collo diventano “Un morso al veleno”, una dose letale che viene infierita al protagonista da un cuore vuoto d’emozioni: a ribadire che la Lady P della canzone non si accorge del dolore che infligge a colui che la ama e sembra non provare alcuna empatia con lui, la sua instabilità la porta ad ignorare le emozioni dell’interlocutore.

Lady P dei No More Code è un pezzo dirompente, che ad un testo in cui viene narrato di una relazione complicata e segnata dalle problematiche della componente femminile, si aggiunge una decisa ibridazione sonora, in cui heavy metal, punk e grunge si uniscono per dare vita ad un brano dai molti volti e in grado di risaltare le singole qualità di ogni membro della band.

(Davide Bonamici)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.