L’incendio che distrusse in parte la basilica di San Paolo

La Basilica di San Paolo è situata a Roma sulla via Ostiense. Nella notte del 15 luglio 1823 ci fu un incendio che distrusse parte della struttura e di ciò che conteneva.

L’incendio ha avuto origine quando uno degli operai dimenticò di spegnere il fuoco che ha utilizzato per svolgere la manutenzione. Un mandriano si è accorto dell’incendio e ha chiesto aiuto; nel giro di due ore arrivarono i pompieri e iniziarono a spegnere il fuoco che durò comunque cinque ore.

Il papa in carica all’epoca non seppe dell’incendio in quanto sarebbe stato elemento destabilizzante per la sua già precaria situazione di salute. Nel corso degli anni e dei secoli a venire si attuarono dei lavori di ristrutturazione ai quali hanno contribuito economicamente e materialmente moltissime persone tra i quali differenti capi di stato o re dei tempi.

L’ultimo lavoro di restauro si concluse nel 2006. Questa Basilica rimane importante perché vi sono sepolti due papi e San Paolo.

(Daniel Saja, Edoardo Bianchi, Officina025 ONLUS)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.